GIOVANNI AD OLGIATE PORTA UN PO’ DI BELGIO

logo strada bordo

Giovanni Mandelli è un giovane Architetto di Olgiate Olona (VA) che abbiamo avuto il piacere di conoscere nella nostra sede di Varese, da noi invitato per parlarci della sua tesi, poco dopo la sua laurea nell’aprile  2019 al Politecnico di Milano, relatore il Prof. Paolo Pileri .

 “Street for Pupils, Reshaping areas in front of School”  è il titolo del suo lavoro, che consiste di accurate parti teoriche e tecniche e di un dettagliato studio sul campo riguardante le aree esterne – quelle di ingresso in particolare – di 52 delle 535 scuole pubbliche del territorio provinciale, ovvero quelle che hanno aderito al progetto della Provincia di Varese denominato GREEN SCHOOL MOBILITY.

Quanto Giovanni riporta nel suo lavoro è per noi cicloambientaliati di enorme interesse. Siamo stati perciò inevitabilmente conquistati e abbiamo chiesto una sua collaborazione per una nostra   proposta sull’area di Via Manin  a Varese, presentata in occasione della Settima Europea della Mobilità nel settembre 2019 presso la Scuola Media Vidoletti, con il patrocinio dell’Ordine degli Architetti di Varese.

Come Giovanni stesso racconta, molto fertile di idee e riflessioni è risultato l’anno di Erasmus trascorso a Gand, in Belgio, dove ha potuto osservare ed assorbire la cultura della condivisione della strada che non marginalizza i ciclisti, anzi ne fa una componente da incoraggiare con infrastrutture dedicate e riconoscimenti immateriali.

Ecco quindi l’idea di un sito –   STRADAPERTUTTI  – dove ci sono soluzione tecniche, consigli e una sezione “libri” che contiene una bibliografia anche specialistica.

E soprattutto ecco l’idea di una sfida, la  #MONTHBIKECHALLENGE  ,  dove chiunque può partecipare semplicemente contando i chilometri percorsi in bici e condividendo il dato sui social.

Misurare l’impatto ecologico del proprio modo di spostarsi è una buon esempio di metodo scientifico a portata di semplici cittadini;  raccontare varie esperienze personali, soprattutto di giovani, è un buon modo di coltivare cultura di base, divertendosi.

Questa iniziativa promossa da Giovanni si inserisce in un ampio movimento di cittadinanza attiva che è molto consapevole di vivere, in questi primi mesi del 2020, un momento storico decisivo per rimodellare il nostro stile di vita e l’assetto estetico ed urbanistico delle nostre città.

E siccome, come ammoniva un navigato architetto toscano dirigente di FIAB Italia, “si progetta pedalando”, confidiamo che l’Arch.Mandelli possa dare un ottimo contributo alla ciclabilità del nostro territorio anche con la sua  attività professionale.

Leonardo S.

 

mandelli gio

logo + scritta