Newsletter ai soci del 31.03.20

Gigio
Care Socie e cari Soci,
 
ovunque nel pianeta – tranne che in Antartide – il malefico virus tiranneggia il tempo che viviamo.  Nel nostro “piccolo” dobbiamo a malincuore rinunciare a molte attività – gite ed appuntamenti pubblici – previsti non solo per aprile, ma anche maggio e giugno, che – come il Cicloraduno Fiab in Friuli – sono ufficialmente annullati, oppure rimandati a data che è ancora difficile da stabilire.
 
FIAB aderisce, come tutti, all’appello alla prudenza solidale riassunto nello slogan   #iostoincasa ; magari, oserei dire, al netto di alcuni eccessi di zelo che ci racconta la cronaca: se vediamo un ciclista che pedala in strada  consideriamo che magari sta solo andando a lavorare …
Doveroso comunque tenersi in forma anche stando in casa, come si può, pronti a ripartire. Oltre ai rulli , per chi li usa, considerate anche lo Yoga per ciclisti: ne parliamo  QUI.
 
E l’alimentazione ? Argomento delicato, perchè quando pedalavamo potevamo permetterci molte calorie in più. In cucina è il momento di sperimentare qualcosa di diverso dal solito. Trovate  QUI   alcune ricette di snack scritte da Rosa, e da lei presentate in uno dei più apprezzati incontri culturali dello scorso inverno nella nostra sede.
 
E la manutezione della bici ? Quando sarà il momento potremo ripartire con biciclette sfavillanti e filanti, se dedichiamo un po’ del tempo casalingo alla cura della amata compagna di scampagnate ora forzatamente ferma in garage. Sono molti i tutorial nel web, tra questi quelli del sito  Bikeitalia.it  e quelli, un po’ più datati ma sempre utili, di Ciclobby Fiab Milano QUI.  Ma attenzione: conta molto l’atteggiamento mentale quando si mettono le mani sul nostro mezzo di trasporto preferito. Allora, se avete un po’ di tempo, leggete QUI  qualcosa che riguarda l’entusiamo (e la sua perdita) per l’arte della manutenzione.
 
Un amico ci ha purtroppo lasciato: si tratta di Aldo Monzeglio, storico attivista di Ciclobby, che i più “storici” tra noi hanno conosciuto.  Potete leggere QUI un ricordo sentito, accompagnato da alcune delle sue vignette.
 
La prudenza, dicevamo sopra. Ma Alessandro Baricco suggerisce che è il momento di unire prudenza e audacia e ci ricorda QUI che siamo vivi “per realizzare delle idee”. Anche la nostra associazione esiste – grazie al vostro prezioso e indispensabile supporto – come strumento per le finalità così ben descritte in quel capoverso del suo articolo su La Repubblica che ho voluto trascrivere in rosso. (Se vi siete persi l’articolo:  la versione integrale è  QUI, dove si capisce cosa intende per audacia … ).
 
Aspettiamo la ripartenza.
Torneremo con nuove notizie e riflessioni.
Per ora un saluto cordiale e l’invito a scrivere e segnalarci idee e fatti utili per costruire, nel nostro piccolo, speranza e futuro.
 
Leonardo Savelli
 
PS: grazie ad Alessandra, Andrea, Antonio, Beppe, Daniele, Gigio, per i suggerimenti utilizzati per questa newsletter.
immagine.png